Nuoto Assoluti

Appuntamento internazionale con il "Sette Colli" di Roma. Alessia Capitanio quinta nella finale A nei 400 misti

In gara anche Davide Galimberti, undicesimo negli 800 stile e Gaia Capitanio. Frida Cottic: "Bilancio positivo, ora pensiamo ai prossimi impegni"

I “big” del nuoto internazionale si sono dati appuntamento alla 57esima edizione del “Sette Colli” di Roma, prestigiosa tappa di avvicinamento al Mondiale di Gwangju (Corea del Sud) che scatterà il prossimo 12 luglio. E accanto alle stelle Pellegrini, Quadrella, Hosszu, Manaudou, Detti e Le Clos (solo per citarne alcuni) sono scesi in vasca anche gli atleti della squadra Assoluti della Pallanuoto Trieste Davide Galimberti, Alessia Capitanio e Gaia Capitanio, guidati dall’allenatrice Frida Cottic. “Il bilancio è positivo - spiega - ma ovviamente non ci fermiamo qua ma siamo già concentrati sui prossimi obiettivi a livello regionale e nazionale”.
Ottima prestazione di Alessia Capitanio nei 400 misti. Con 4’47’’99 si è qualificata alla finale A, dove si è piazzata al quinto posto nuotando in 4’46’’53. Nella stessa specialità, Gaia Capitanio ha fatto registrare 5’08’’59. Nei 400 stile Davide Galimberti ha fermato il cronometro su 3’59’’17, mentre negli 800 stile con 8’09’’23 ha conquistato una buona undicesima posizione complessiva. Gaia Capitanio si è cimentata in altre due gare: 2’36’’76 nei 200 rana (suo personale stagionale) per il 23esimo posto, 2’22’’83 nei 200 misti per il 25esimo posto finale. Ancora Frida Cottic: “Davide ha dato il massimo, era al rientro dopo gli Assoluti di fondo, ha gareggiato con la solita determinazione. Alessia è molto migliorata sotto l’aspetto della gestione di gara. Gaia non è ancora al massimo della forma, la ritroverà”.

Potrebbe interessarti anche
L'Ortigia si scioglie alla "Bianchi", una grande Trieste coglie un successo di prestigio (11-10)
Non basta una grande rimonta. Alla "Bianchi" Trieste cede di misura alla Rn Florentia (12-13)