A1 MASCHILE

Che battaglia alla "Bianchi", tra Trieste e Sport Management finisce in parità (9-9)

Gara combattuta, gli ospiti scappano sul 2-6 ma gli alabardati tornano sotto. Nel finale succede di tutto. Daniele Bettini: "Punto meritato contro un avversario di spessore"

Termina con un pareggio per 9-9 la sfida valida per la quinta giornata del campionato di serie A1 maschile tra Pallanuoto Trieste e Sport Management. Alla "Bruno Bianchi" è andata in scena una vera e propria battaglia, combattuta fino alle ultime battute. “Un punto meritato contro un avversario di spessore che ha punito tutte le nostre disattenzioni - sono le parole del tecnico Daniele Bettini a fine match - in avvio siamo stati confusionari, nel finale abbiamo ritrovato ordine e buone trame di gioco".
A dir il vero la partenza degli alabardati è stata incoraggiante, con capitan Petronio che in superiorità sblocca la gara su assist di Mezzarobba (1-0). Trascorrono 60’’ e arriva il raddoppio di Gogov su rigore (2-0). Gli ospiti accorciano le distanze con il gol di Bruni con l'uomo in più (2-1) e trovano il pari sfruttando una nuova superiorità: a segno Damonte (2-2). Nel finale di tempo un errore difensivo consente a Mirarchi di trovarsi a tu per tu con Oliva e siglare il sorpasso (2-3). Nel secondo periodo gli ospiti non si fermano e chiudono un parziale di 0-6: vanno a segno Lanzoni in controfuga (2-4), con l'uomo in più ancora Bruni (2-5) e Casasola (2-6). I ragazzi di Bettini finalmente si scuotono, in superiorità vanno in gol Petronio con un diagonale a pelo d'acqua (3-6) e Milakovic con una staffilata che fa tremare la traversa e entra in porta (4-6). Terzo tempo a reti inviolate fino al quarto minuto, quando Dolce va a segno in transizione (4-7). La risposta alabardata è firmata da Milakovic che prima sbaglia un rigore, poi sigla il 5-7 e il 6-7 con una botta dalla distanza. Gli ospiti però tornano sul +2 grazie Mirarchi con l'uomo in più (6-8). A venti secondi dalla fine tempo Mezzarobba finalizza una superiorità per l’importante -1 (7-8). Quarta frazione tesa e equilibrata. Dopo 30" dallo sprint Vico in superiorità sigla il tanto inseguito pari per Trieste (8-8), poi Oliva si distingue per quattro interventi provvidenziali. Le occasioni fioccano per entrambe le squadre, fino al gol di Dolce che in controfuga sigla il sorpasso (8-9 a 2’56’’ dalla fine). Gli alabardati non si arrendono e Gogov in superiorità acciuffa il pari a 1'02" dalla sirena e fissa il risultato sul definitivo 9-9. La Pallanuoto Trieste tornerà a giocare già mercoledì 6 novembre sul campo del Telimar Palermo (ore 19.30).

PALLANUOTO TRIESTE - SPORT MANAGEMENT 9-9 (2-3, 2-3, 3-2, 2-1)
PALLANUOTO TRIESTE:
Oliva, Podgornik, Petronio 2, Rocchi, Panerai, Zadeu, Gogov 2, Milakovic 3, Vico 1, Mezzarobba 1, Spadoni, Mladossich, Persegatti. All. Bettini
SPORT MANAGEMENT: Nicosia, Dolce 2, Damonte 1, Marchetti, Caponero, Ravina, Lo Dico, Bruni 2, Mirarchi 2, Lanzoni 1, Casasola 1, Valentino, Franzoni. All. Baldineti
Arbitri: Rovida e Collantoni
NOTE: usciti per limite di falli Mirarchi (S), Lo Dico (S) e Rocchi (T) nel quarto periodo; nel terzo periodo Milakovic ha sbagliato un rigore; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 8/14 + 3 rigori, Sport Management 6/12; spettatori 800 circa

Potrebbe interessarti anche
L'Ortigia si scioglie alla "Bianchi", una grande Trieste coglie un successo di prestigio (11-10)
Non basta una grande rimonta. Alla "Bianchi" Trieste cede di misura alla Rn Florentia (12-13)