A1 MASCHILE

Che spettacolo alla "Bruno Bianchi", il Posillipo si impone sulla Pallanuoto Trieste (4-9) davanti a 1200 spettatori.

Gara equilibrata per due tempi, gli alabardati hanno retto bene il confronto con una "big". Doppietta per Grummy

Un pubblico stellare, una “Bruno Bianchi” stracolma e le telecamere di Rai Sport 2 hanno fatto da splendida cornice allo storico esordio della Pallanuoto Trieste nel campionato di serie A1 maschile. E’ mancato solo il conforto del risultato, con il fortissimo Posillipo che si è imposto per 4-9, al termine di una gara equilibratissima per due tempi e poi conquistata di forza dai partenopei. Ma della Pallanuoto Trieste timorosa e insicura vista all’opera la scorsa settimana a Bogliasco è rimasto ben poco. I ragazzi di Stefano Piccardo hanno offerto una prova gagliarda, entusiasmando per 16 minuti i 1200 spettatori della piscina di Sant’Andrea, dimostrando di avere la caratura per poter reggere il confronto con un campionato durissimo come la serie A1. La squadra intrapresa è quella giusta, bisogna soltanto continuare a crescere e migliorare partita dopo partita.
La cronaca. La Pallanuoto Trieste presenzta nel “sette” titolare Grummy Gustavo Guimaraes, arrivato dal Brasile appena martedì scorso. Il Posillipo punta su una formazione consolidata, con le stelle Buslje, Klikovac e Gallo osservati speciali. Dopo 4’ di studio Saccoia sblocca il risultato (0-1), la reazione alabardata non si fa attendere. Elez pareggia, poi serve a Grummy il perfetto assist per il 2-1. Klikovac fa la voce grossa sui 2 metri (2-2), Gallo in superiorità firma il 2-3, poi Grummy sale nuovamente in cattedra, firmando il 3-3 a 5’’ dalla fine del tempo, finalizzando l’unica superiorità numerica concretizzata dagli alabardati su 8 tentativi.
Nel secondo periodo la Pallanuoto Trieste torna avanti con Popovic, che ruba palla in fase difensiva e chiude con la rete del 4-3 una superba controfuga. La “Bianchi” esplode, gli alabardati iniziano a crederci ma non trovano il +2. Poi un liberissimo Saccoia insacca il 4-4 di metà gara.
Dopo il cambio di campo capitan Giorgi e compagni calano – comprensibilmente – dal punto di vista fisico. Le rotazioni sono limitate, Elez è costretto a sedersi in panchina causa un problema alla mano, i partenopei fanno pesare la loro netta superiorità tecnica e fisica. Gallo, Klikovac e Dolce firmano un parziale di 0-3 che spinge il Posillipo sul 4-7 alla fine del terzo periodo. Una mazzata per la Pallanuoto Trieste, che nel finale prova a reagire, ma con scarsa lucidità. Gli uomini di Piccardo faticano in situazione di superiorità numerica, il Posillipo sornione non perdona nulla. Il croato Marinic-Kragic e poi Cuccovillo firmano le reti del 4-9, un passivo probabilmente un po’ troppo pesante per la Pallanuoto Trieste.
Ma per questa volta va bene così. La reazione, attesa dopo il brutto esordio di Bogliasco, c’è stata e per due tempi gli alabardati hanno retto benissimo il confronto al cospetto di un avversario di livello internazionale. La Pallanuoto Trieste ha risposto presente, il pubblico ha dimostrato grande attaccamento alla squadra. Avanti così, i risultati arriveranno.

 

PALLANUOTO TRIESTE – POSILLIPO 4-9 (3-3; 1-1; 0-3; 0-2)
PALLANUOTO TRIESTE:
Jurisic, Podgornik, Petronio, Ferreccio, Giorgi, Giacomini, Popovic 1, Rocchi, Elez 1, Berlanga Henriques, Guimaraes 2, Mezzarobba, Vannella. All. Piccardo
POSILLIPO: Caruso, Cuccovillo 1, Marinic-Kragic 1, Foglio, Klikovac 2, Russo, Dolce 1, Gallo 2, Buslje, Saviano, Briganti, Saccoia 2, Ferrone. All. Occhiello
Arbitri: Bianchi di Roma e Piano di Genova
NOTE: superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 1/8, Posillipo 3/9; uscito per limite di falli Rocchi (T) nel quarto tempo; spettatori 1200 circa

Potrebbe interessarti anche
Rapallo troppo superiore, la Pallanuoto Trieste sconfitta dalle liguri in trasferta (21-6)
Orchette in trasferta, sabato 9 novembre (ore 18.30) la Pallanuoto Trieste se la vedrà con il Rapallo