A1 MASCHILE

Impresa sfiorata a Busto Arsizio, la Pallanuoto Trieste si arrende allo Sport Management (10-9) con un gol arrivato a 2'' dalla fine.

Piccardo: "Prestazione maiuscola, peccato l'ultima azione". Brazzatti: "Avremmo meritato il pareggio"

Con un gol realizzato da Edoardo Di Somma 2’’ dalla fine, lo Sport Management Verona si è imposto per 10-9 sulla Pallanuoto Trieste nella terza giornata di andata del campionato di serie A1 maschile. Un vero peccato per la squadra di Stefano Piccardo, che priva di capitan Giorgi (fuori per infortunio) e senza Petronio, Giacomini e Rocchi fuori per falli nel momento decisivo del match, avrebbe senza dubbio meritato di conquistare un punto. Resta comunque la soddisfazione di aver tenuto testa ad una delle squadre più attrezzate della categoria. “Prestazione maiuscola – afferma l’allenatore della Pallanuoto Trieste – senza giocatori importanti, su un campo difficilissimo, abbiamo retto. Potevamo gestire meglio l’azione difensiva che ci è costata la sconfitta, eravamo stanchissimi, ma abbiamo commesso un paio di errori che a questi livelli non ti puoi permettere”.
Il match di Busto Arsizio fila via sulle ali di un equilibrio pressoché costante. Bini apre le marcature, poi il primo gol stagionale di Petronio e una doppietta di Grummy spingono la Pallanuoto Trieste sul 2-3, prima del gol capocannoniere della A1 2014/2015 Petkovic che fissa il 3-3. Botta e risposta anche nel secondo periodo. Vanno in gol Ferreccio, il solito Petkovic, Mirarchi e uno scatenato Grummy, che insacca il pallone del 5-5 sulla sirena di metà partita. Nel terzo periodo la Pallanuoto Trieste perde Petronio e Giacomini per falli e lo Sport Management prova ad allungare. Elez tiene a galla la Pallanuoto Trieste con un bolide dalla media distanza, poi in apertura di quarto tempo Petkovic finalizza la superiorità numerica che vale l’8-6 per i padroni di casa. Piccardo deve fare a meno anche di Rocchi (fuori per 3 espulsioni) ma gli alabardati non si abbattono. La reazione è tutta d’orgoglio, Berlanga Henriques scrive 8-7 in superiorità, Popovic impatta sull’8-8 dalla posizione di centroboa a 2’45’’ dalla fine. L’ultimo minuto di gioco è a dir poco incandescente. Il centroboa della nazionale Deserti trova il gol del 9-8, Elez insacca il 9-9 in situazione di superiorità numerica a 13’’ dalla sirena, poi quando la Pallanuoto Trieste pregustava un più che meritato pareggio, Petkovic spariglia la situazione con la rete del 10-9. “Tanto rammarico – ammette subito dopo la gara il direttore sportivo alabardato Andrea Brazzatti – il pari sarebbe stato probabilmente il risultato più giusto. C’è tanta amarezza, ma anche la consapevolezza di aver giocato allo stesso livello di una grossa squadra. Il nostro processo di crescita continua, i risultati arriveranno”.
Adesso la pausa, l’appuntamento è per sabato 24 ottobre: alla “Bruno Bianchi” arriverà la Canottieri Napoli.

 

SPORT MANAGEMENT VERONA – PALLANUOTO TRIESTE 10-9

3-3; 2-2; 2-1; 3-3)
SPORT MANAGEMENT VERONA:
Oliva, A. Di Fulvio, Brambilla, Coppoli, E. Di Somma 2, Petkovic 4, Busilacchi, Jelaca, Mirarchi 2, Bini 1, Razzi, Deserti 1, Antonelli. All. Baldineti
PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Podgornik, Petronio 1, Ferreccio 1, D’Agaro, Giacomini, Popovic 1, Rocchi, Elez 2, Berlanga Henriques 1, Guimaraes 3, Turkovic, Vannella. All. Piccardo
Arbitri: Gomez e Scappini
NOTE: usciti per limite di falli Petronio (T) e Giacomini (T) nel terzo periodo, Coppoli (V) e Rocchi (T) nel quarto periodo; superiorità numeriche Sport Management 6/15, Pallanuoto Trieste 5/11; spettatori 550 circa

Potrebbe interessarti anche
Il 2019 si chiude in trasferta. Sabato 7 dicembre (ore 18.00) la Pallanuoto Trieste rende visita al Salerno
Prima prova regionale a Gorizia. Bernardi abbassa tutti i suoi personali, bene anche Antonione