Orchette in trasferta, sabato 9 novembre (ore 18.30) la Pallanuoto Trieste se la vedrà con il Rapallo

Squadra forte e organizzata quella ligure, attenzione in particolare alla centroboa Bujka. Ugo Marinelli: "Possiamo metterle in difficoltà, ma servirà una prestazione perfetta"

Le orchette tornano in Liguria. Sabato 9 novembre, nella sesta giornata della serie A1 femminile, la Pallanuoto Trieste affronterà in trasferta il temibile Rapallo. Si gioca alle ore 18.30.

Qui Pallanuoto Trieste
Nonostante le tante comprensibili difficoltà di questo primo scorcio di stagione, la squadra alabardata continua a lavorare a testa bassa. La sconfitta della scorsa settimana con il Css Verona è stata prontamente metabolizzata e la Pallanuoto Trieste adesso si prepara ad una sfida ancora più insidiosa. “Per qualità tecniche e talento credo che il Rapallo possa considerarsi come la quarta forza del torneo - spiega l’allenatore Ugo Marinelli - sabato sono andate a vincere a Milano, sfruttando bene i loro punti di forza. Sarà ovviamente una gara davvero difficile, ma la affrontiamo con una buona dose di fiducia. Stiamo giocando una buona pallanuoto, ci manca davvero poco per compiere un ulteriore salto di qualità, è arrivato il momento di dare tutto”. Dal punto di vista fisico capitan Francesca Rattelli e compagne stanno bene, la freschezza atletica aiuta a recuperare più in fretta dalle fatiche di partite e allenamenti. C’è la consapevolezza che per far risultato a Rapallo bisognerà sfornare una prestazione assolutamente impeccabile. Ancora Marinelli: “Possiamo metterle in difficoltà, ma solo se saremo perfette in tutte le situazioni di gioco. Loro si appoggiano spesso alla centroboa, dovremo controllarla con attenzione. E allo stesso tempo non bisognerà concedere troppo spazio alle varie pericolose tiratrici. Il nostro compito è di migliorare dal punto di vista mentale, limitare le distrazioni e imparare a soffrire”.

Le avversarie: il Rapallo
Dopo l’ottimo terzo posto della stagione 2018/2019, il Rapallo ha cambiato tanto in estate. Partite le nazionali Viacava, Emmolo e Avegno, le liguri hanno strappato al Ferencvaros Barbara Bujka, ruolo centroboa, sei medaglie con l’Ungheria tra Mondiali e Europei, giocatrice di altissimo livello, attuale capocannoniere del torneo con 15 gol segnati in 5 partite. In porta c’è l’ex Sori Pool Beach Carola Falconi, tra gli innesti attenzione in particolare a Chiara Foresta (dall’Acquachiara) e alle tiratrici mancine Svetlana Kuzina (russa, presa dal Milano) e Ursula Gitto (anche lei ex Milano). Dal perimetro i pericoli arriveranno soprattutto da Carolina Marcialis e Nicole Zanetta, mentre Gaia Gagliardi rappresenta una valida alternativa ai due metri alla titolare Bujka. Nella sostanza quella a disposizione di Luca Antonucci è senza dubbio una squadra attrezzata, che può tranquillamente ambire a stabilirsi dietro le tre “big”. In campionato dopo un avvio a rilento, sconfitte con Plebiscito, Sis Roma e Orizzonte Catania, il Rapallo è tornato in careggiata mettendo sotto il Bogliasco (netto 15-5 casalingo con ben 6 gol di Bujka) e il colpo esterno nella piscina del Milano (11-12 con poker di Marcialis e tripletta di Kuzina).

Gli arbitri
Il confronto tra Rapallo e Pallanuoto Trieste sarà diretto da  Alberto Rovida di Savona e Fabio Collantoni di Porto Santo Stefano.

La giornata
Nel sesto turno fari puntati sul delicato confronto in chiave salvezza tra Vela Ancona e Bogliasco, mentre la Rn Florentia (prossimo avversario delle orchette) ospiterà un Milano in cerca di riscatto. Il Css Verona se la vedrà con la Sis Roma, il match-clou è però lo scontro al vertice tra le due uniche squadre a punteggio pieno, ovvero Plebiscito Padova e Orizzonte Catania.

Potrebbe interessarti anche
L'Ortigia si scioglie alla "Bianchi", una grande Trieste coglie un successo di prestigio (11-10)
Non basta una grande rimonta. Alla "Bianchi" Trieste cede di misura alla Rn Florentia (12-13)