A1 MASCHILE

Riparte il campionato. Sabato 30 gennaio alla "Bruno Bianchi" (ore 15.30, ingresso gratuito) la Pallanuoto Trieste ospita la Lazio, match importante in chiave corsa alla salvezza

Gara delicata contro una squadra di spessore. L'allenatore Piccardo: "Hanno tanta qualità, dovremo gestire bene la fase di attacco"

La pausa è alle spalle, adesso si torna a fare sul serio. Il campionato di serie A1 maschile riparte e sabato 30 gennaio, nell’ultimo turno del girone di andata, la Pallanuoto Trieste ospita alla “Bruno Bianchi” la Lazio in un delicato e importante scontro salvezza. Si gioca alle 15.30 (mezz’ora prima del consueto) con ingresso gratuito per il pubblico.

 

QUI PALLANUOTO TRIESTE Una sosta lunga 50 giorni, 3 intensi common-training con An Brescia, Bsvc Budapest e Sport Management, una preparazione fisica fatta praticamente ex-novo. Gli alabardati di Stefano Piccardo sono pronti ad affrontare un match (quasi) decisivo, ma le incognite in casa Pallanuoto Trieste ovviamente non mancano. “E’ normale che dopo tanto tempo senza giocare – spiega l’allenatore Stefano Piccardo – ci sia più di qualche punto interrogativo sulla nostra condizione. Adesso inizia praticamente un altro campionato, ci siamo allenati bene e con la giusta intensità, vedremo il riscontro del campo. I ragazzi sono in buone condizioni sotto il piano fisico, ci aspetta un avversario tosto, la posta in palio è molto alta, quindi dovremo sbagliare pochissimo”. “Non dobbiamo guardare la classifica – continua Piccardo – la Lazio è dietro di noi, ma credo non dovrebbe avere problemi a risalire la china, magari speriamo non da questo sabato. Hanno tanta qualità, un allenatore come Pierluigi Formiconi che ha vinto Europei, Mondiali e Olimpiadi con l’Italia femminile, diversi elementi di esperienza e grande pericolosità. Per noi è una partita molto importante, come molto importante sarà la sfida con il Bogliasco di venerdì prossimo. Dopo queste due partite, capiremo realmente dove possiamo arrivare”. Dal punto di vista tattico, Piccardo ha le idee molto chiare: “Bisognerà gestire al meglio l’attacco posizionale, non concedere spazio alle loro ripartenze e provare a tenere il punteggio basso”. 

 

QUI LAZIO Con 4 punti in meno della Pallanuoto Trieste, 8 i capitolini, 12 gli alabardati, la Lazio si trova un po’ a sorpresa invischiata nella lotta per non retrocedere. L’andamento altalenante della squadra capitolina nella prima parte di stagione ha convinto la società ad operare un cambio alla guida tecnica, fuori Antonio Vittorioso, dentro Pierluigi Formiconi, che lo scorso anno portò la Lazio ad una tranquilla salvezza. E il tecnico campione olimpico ad Atene 2004 con lo straordinario “setterosa” di Giusi Malato, Cristiana Conti e Martina Miceli, ha impiegato poco tempo a far cambiar rotta ad una squadra ricca di talento e spessore tecnico. Fondamentale in questo senso il successo conquistato nel derby con la Roma Vis Nova prima della pausa (10-9), che ha riportato la Lazio in linea di galleggiamento. I capitolini sono in possesso di una rosa invidiabile: in porta c’è un monumento come Zdravko Radic, campione d’Europa nel 2008 con il Montenegro, vincitore della Champions League e della Supercoppa Europea con il Primorac Kotor nel 2009, e dell’Euro Cup con il Radnicki nel 2013. La marcatura del centroboa è affidata all’esperto brasiliano Felipe Santos Da Costa, in posizione uno giostrerà il temibile Daniele Giorgi (prelevato dall’An Brescia), il tiratore più pericoloso è Giacomo Cannella (19 gol in campionato), sui 2 metri agirà una vecchia conoscenza della “Bruno Bianchi”, ovvero Matteo Leporale, protagonista della semifinale play-off di serie A2 nel 2012, e Federico Lapenna, arrivato in biancoceleste dalla Pro Recco. “E’ una squadra completa – analizza Stefano Piccardo – con diverse soluzioni offensive, tanta esperienza e un bagaglio tecnico superiore al nostro. Dovremo giocare una gara di altissima intensità fisica, servirà grande lucidità in attacco e tanta attenzione dietro. Sarà dura, ma ci proveremo con tutte le nostre forze”.

 

GLI ARBITRI La sfida tra Pallanuoto Trieste e Lazio sarà diretta da Massimo Savarese di Vado Ligure (Savona) e Stefano Pinato di Nervi (Genova).

 

COME SEGUIRE LA PARTITA E’ un match da non perdere e agli alabardati servirà più tifo possibile. In ogni caso, per chi ci segue da lontano e non potrà essere presente alla “Bruno Bianchi”, dalle ore 15.30 la pagina Facebook della Pallanuoto Trieste (www.facebook.com/pallanuototrieste) pubblicherà tutti gli aggiornamenti in tempo reale sul match.

 

OSPITI IN PISCINA Come di consueto, ci saranno graditi ospiti a bordo vasca, che seguiranno da vicino le peripezie degli atleti della Pallanuoto Trieste. Questa volta tocca ad una folta delegazione della Asd Bavisela, guidata dal presidente Fabio Carini, già in piena attività nell’organizzazione delle attese gare (maratona, mezza maratona e non-competitiva) dell’8 maggio 2016.

 

LA GIORNATA Il girone di andata si chiude con un turno molto importante per la corsa alla salvezza. Le dirette rivali della Pallanuoto Trieste sono chiamate ad una serie di sfide piuttosto complesse: l’Ortigia Siracusa ospita la sempre temibile Canottieri Napoli, il Sori sarà impegnato sul campo dell’Acquachiara, la Florentia attende la terza forza del campionato Sport Management, mentre potrebbe muovere la classifica la Roma Vis Nova, anche se il Bogliasco è avversario poco malleabile. Completano la giornata la sfida tra Rn Savona e Posillipo e soprattutto l’anticipo televisivo del venerdì tra An Brescia e Pro Recco, ovvero il confronto tra le squadre nettamente più forti del campionato.

 

LA CLASSIFICA In attesa del big-match di Mompiano, l’An Brescia conserva sempre la vetta, anche se la Pro Recco ha una partita in meno (quella contro la Roma Vis Nova). An Brescia 36, Pro Recco 33, Sport Management 25, Posillipo 24, Canottieri Napoli 23, Acquachiara 20, Rn Savona 19, Rn Bogliasco 17, Pallanuoto Trieste 12, Roma Vis Nova 12, Lazio 8, Ortigia Siracusa 7, Rn Florentia 4, Rn Sori 3.

Potrebbe interessarti anche
Trasferta a Salerno per l'U16, si gioca il torneo "Pallanuoto d'Artista"
Orchette alla Monte Bianco, confronto con il lanciatissimo Css Verona