A1 MASCHILE

Trasferta amara a Firenze. Alla "Nannini" la Rn Florentia supera la Pallanuoto Trieste (13-9) dopo una gara in sostanziale equilibrio. Daniele Bettini: "Commesse troppe ingenuità. Ma la squadra c'è, guardiamo avanti"

Alabardati sempre in partita, i toscani piazzano l'allungo decisivo negli ultimi 4' di gioco. L'allenatore: "Risultato troppo pesante per quello che si è visto in acqua"

Niente da fare a Firenze. Nella decima giornata del campionato di serie A1 maschile la Pallanuoto Trieste è stata battuta alla “Nannini” dalla Rn Florentia per 13-9. Gara in sostanziale equilibrio per tre tempi e mezzo, poi negli ultimi 4’ di gioco i toscani hanno piazzato l’allungo decisivo. “Il risultato è fin troppo pesante per quello che si è visto in acqua – commenta a fine match il tecnico Daniele Bettini – per larghi tratti abbiamo fatto bene, giocando su buoni livelli. Però abbiamo commesso tante ingenuità per pensare di poter fare risultato su un campo così difficile. E in diverse episodi siamo anche stati parecchio sfortunati. E’ un momentaccio, dobbiamo fare quadrato. La squadra c’è, ripartiamo dalle tante cose positive fatte oggi e guardiamo avanti”.
La Pallanuoto Trieste è senza Giorgi (Petronio capitano di giornata), la Florentia invece si presenta al completo. Primo periodo scoppiettante. Gogov stampa un rigore sulla traversa, Panerai sblocca la situazione (0-1), poi Vico trova lo 0-2 in situazione di superiorità numerica. I padroni di casa reagiscono e con due reti con l’uomo in più (Coppoli e Astarita) si portano sul 2-2. Oliva para un rigore a Coppoli e proprio a 1’’ dalla sirena Petronio pesca Podgornik ai 2 metri per la rete del 2-3.
In apertura di seconda frazione Vico riporta gli alabardati sul +2 (2-4), di nuovo la Florentia si torna sotto a stretto giro. Bini in controfuga e una bordata mancina di Astarita valgono il 4-4. Vico è scatenato ai 2 metri e con una bellissima rovesciata inventa il 4-5. I toscani ribaltano la situazione: Razzi impatta sul 5-5, Astarita firma il primo vantaggio (6-5) proprio a 5’’ dal cambio di campo.
L’inerzia del match sembra passata nelle mani della Florentia. Dopo 50’’ di gioco del terzo periodo Coppoli sigla il +2 (7-5) e per diversi minuti la Pallanuoto Trieste non riesce a trovare il bandolo della matassa in attacco. Poi una fiammata degli alabardati riaccende il match. Rocchi accorcia in superiorità (7-6), un tap-in di Vico (sempre in superiorità) scrive 7-7, Panerai sigla il nuovo vantaggio ospite (7-8). Il +1 regge però davvero poco, perché Francesco Turchini con l’uomo in più impatta sull’8-8 a 6’’ dalla fine del tempo.
Nel quarto periodo arriva il definitivo allungo della Florentia. Coppoli in superiorità insacca il 9-8 (con l’aiuto di una deviazione) e Bini con la solita controfuga realizza il 10-8. Petronio tiene vive le speranze degli ospiti (10-9 a 4’49’’ dalla fine), ma il finale è tutto di marca gigliata. Le segnature di Razzi, Eskert e Tomasic chiudono i conti sul definitivo 13-9.
Sabato prossimo, 22 dicembre, ultima partita del 2018 per la Pallanuoto Trieste: alla “Bruno Bianchi” arriva il Savona (ore 18.00).

RN FLORENTIA - PALLANUOTO TRIESTE 13-9 (2-3; 4-2; 2-3; 5-1)
RN FLORENTIA:
Cicali, Generini, Eskert 1, Coppoli 3, F. Turchini 1, Bini 2, T. Turchini, Dani, Razzi 2, Tomasic 1, Astarita 3, Di Fulvio, Maurizi. All. Tofani
PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik 1, Petronio 1, Ferreccio, Mladossich, Panerai 2, Gogov, Turkovic, Vico 4, Mezzarobba, Spadoni, Rocchi 1, Persegatti. All. Bettini
Arbitri: L. Bianco e Paoletti
NOTE: uscito per limite di falli Panerai (T) nel quarto periodo; nel primo periodo Gogov (T) ha sbagliato un rigore e Oliva (T) ha parato un rigore a Coppoli; superiorità numeriche Rn Florentia 6/10 + 1 rigore, Pallanuoto Trieste 4/11 + 1 rigore

Potrebbe interessarti anche
La Pallanuoto Trieste passa anche a Genova, la capolista supera in trasferta la Locatelli (3-8)
Beffa a 4'' dalla fine. A Casoria la Pallanuoto Trieste si arrende alla Canottieri Napoli (8-7), decide Del Basso praticamente allo scadere. L'allenatore Bettini: "Peccato davvero, abbiamo dato tutto"