A1 MASCHILE

Trieste batte la Roma Nuoto (7-12) e si qualifica alla fase scudetto

Il d.s. Andrea Brazzatti: "Complimenti all'allenatore e ai ragazzi". Il 27 febbraio arriva il Palermo

Missione compiuta al Foro Italico. Nel recupero del primo turno della serie A1 maschile (gruppo B), la Pallanuoto Trieste ha battuto in trasferta la Roma Nuoto (7-12 il risultato finale) e si è così assicurata la qualificazione ai gironi scudetto. Si riparte a stretto giro, il 27 febbraio infatti è prevista la prima partita della seconda fase di campionato e alla “Bruno Bianchi” gli alabardati se la vedranno con il Telimar Palermo. Soddisfatto a fine match l’allenatore Daniele Bettini: “Era una gara importante e l’abbiamo affrontata con il piglio giusto, tenendo sempre la concentrazione alta. Un buon viatico in vista dei prossimi impegni”.
La cronaca. La squadra del main-sponsor Samer &. Co Shipping può difendere il +5 della gara di andata, ma non specula sulla differenza reti e tiene il ritmo molto alto. Buljubasic sblocca la situazione dopo appena 49’’ (0-1), Francesco Faraglia trova l’1-1 in superiorità e subito dopo Milakovic insacca l’1-2 con l’uomo in più. Oliva sventa un’offensiva giallorossa e sul ribaltamento di fronte Milakovic mette in porta l’1-3. Roma vive sulle invenzioni di Francesco Faraglia (2-3), ma una colomba di Vico dalla posizione di centroboa vale il 2-4 al termine della prima frazione. Trieste appare in controllo e tiene a bada le sfuriate dei giovani talenti romani. Bini vede il varco giusto sul primo palo (2-5), Spione risponde dai 2 metri (3-5), Vico è ancora inarrestabile (3-6) e a 16’’ dal cambio di campo il solito Francesco Faraglia in superiorità tiene a galla i padroni di casa (4-6). Nella terza frazione gli alabardati imprimono l’accelerazione decisiva. Mezzarobba trasforma il rigore del 4-7, Oliva ci mette del suo con tre parate consecutive, poi arrivano le reti di Bini (controfuga) e di Turkovic, servito da un perfetto assist di Jankovic. Sul 4-9 a 8’ dalla sirena i conti sono praticamente già chiusi. Nel finale la Roma reagisce d’orgoglio, gli ospiti rispondono con Buljubasic, Razzi e capitan Petronio per il definitivo 7-12.
“Bene così - conclude il d.s. della Pallanuoto Trieste Andrea Brazzatti - abbiamo raggiunto il nostro primo obiettivo, complimenti all’allenatore e ai ragazzi”. E adesso testa alla fase scudetto.  

ROMA NUOTO - PALLANUOTO TRIESTE 7-12 (2-4; 2-2; 0-3; 3-3)
ROMA NUOTO:
De Michelis, Ciotti, M. Vavic 1, F. Faraglia 4, P. Faraglia, Gatto, De Robertis, Boezi, Graglia, Martinelli, Spione 1, Tartaro 1, Maiolatesi. All. Di Cecca
PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 1, Buljubasic 2, Razzi 1, Turkovic 1, Jankovic, Milakovic 2, Vico 2, Mezzarobba 1, Bini 2, Mladossich, Persegatti. All. Bettini
Arbitri: Nicolosi e Paoletti
NOTE: usciti per falli Turkovic (T) e Mladossich (T) nel quarto periodo; superiorità numeriche Roma Nuoto 3/13 + 1 rigore, Pallanuoto Trieste 2/5 + 1 rigore

Potrebbe interessarti anche
Un gol a 1'01'' dalla fine condanna Trieste, la Florentia sorride (7-6)
Orchette alla "Nannini", Trieste di scena sul campo della Rn Florentia