A1 MASCHILE

Uno spettacolo da non perdere. Sabato 5 dicembre alla "Bianchi" (ore 16.00) la Pallanuoto Trieste sfida la Pro Recco, la squadra più forte del mondo

Nel 2015 i liguri hanno vinto scudetto, Champions League, Coppa Italia e Supercoppa Europea. L'allenatore Stefano Piccardo: "Un onore affrontarli davanti al nostro pubblico"

E’ l’occasione per vedere all’opera alcuni tra i più forti giocatori del mondo. Se non proprio i più forti in assoluto. Sabato 5 dicembre, nell’undicesima giornata di andata del campionato di serie A1 maschile 2015/2016, la Pallanuoto Trieste sfiderà i campioni d’Italia e d’Europa in carica della Pro Recco, una squadra che vince lo scudetto da 10 anni di fila e può contare su una rosa senza eguali, tra le meglio assortite dell’intera storia di questa disciplina. Si gioca alla "Bruno Bianchi" con inizio fissato alle ore 16.00, con ingresso gratuito per il pubblico.

 

QUI PALLANUOTO TRIESTE L’attesa è tanta in casa alabardata, il confronto con la Pro Recco stimola tutti, l’entusiasmo è alle stelle e squadra, società e pubblico non vedono l’ora di vedere all’opera l’imbattibile Pro Recco. Dal punto di vista prettamente agonistico, per capitan Giorgi e compagni si tratta di una partita impossibile, contro una squadra priva di punti deboli, che in campionato ha vinto 9 partite sulle 9 disputate fino ad ora e ha incassato la miseria di 34 reti, ovvero nemmeno 4 di media a partita. Senza dimenticare i 3 larghi successi in Champions League con Galatasaray (15-4), Partizan Belgrado (15-3), Osc Budapest in trasferta (7-13) e il 12-4 rifilato al Posillipo nella finale di Supercoppa Europea. Fantascienza. “Sono mostruosi e non lo scopriamo certo oggi – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Stefano Piccardo – per noi è un onore affrontarli davanti al nostro pubblico. Sono completi in tutti i reparti, martedì l’Italia che in World League ha battuto la Crozia ha schierato 9 giocatori del Recco, ai quali vanno aggiunti Mandic, Ivovic e Sukno, ovvero tre fuoriclasse nei rispettivi ruoli. Sarà uno spettacolo per il pubblico, mi auguro di vedere più gente possibile in piscina, non capita tutti i giorni di poter osservare da vicino così tanti campioni”. Non è un momento particolarmente fortunato in casa Pallanuoto Trieste. Dopo i problemi, finalmente riassorbiti per il centroboa Boris Popovic, si è fermato Niccolò Rocchi, che sabato scorso con l’Acquachiara ha rimediato la rottura del timpano. Il roccioso difensore ligure non sarà a disposizione per la sfida col Recco, lo staff tecnico alabardato si augura di poterlo recuperare in vista della fondamentale trasferta di Sori. Qualche giorno di stop anche il classe 2000 Michele Mezzarobba causa influenza, ma il giovane talento alabardato dovrebbe essere in acqua sabato. “Il nostro obiettivo è quello di preparare al meglio la partita di Sori, che per noi è molto importante – continua Piccardo – poi speriamo di essere avere un pizzico di buona sorte in più nel 2016. Tra guai fisici, assenze e malanni vari, in questi ultimi mesi del 2015 ne abbiamo viste di tutti i colori”.

 

QUI PRO RECCO Mai visto nulla di simile, un dominio pressoché totale che ha valicato i confini italiani, per trasferirsi anche in Champions League. La Pro Recco ha vinto gli ultimi 10 scudetti, dal 2007 ad oggi è salita per 5 volte sul tetto d’Europa, aggiungiamoci anche 9 Coppa Italia dal 2006 al 2015. La rosa allestita dalla potente società ligure è praticamente quella della nazionale italiana (con qualche importante eccezione), in panchina siede Amedeo Pomilio, che accanto al c.t. Campagna ha vinto i Mondiali del 2011 e l’argento olimpico del 2012. In porta c’è quell’autentica leggenda che risponde al nome di Stefano Tempesti. In marcatura si alterneranno il fortissimo montenegrino Aleksandar Ivovic, Niccolò Gitto e Niccolò Figari (nemmeno a dirlo, due azzurri). La batteria degli esterni è a dir poco spaventosa: spiccano, tanto per fare 4 nomi, Alex Giorgetti, Pietro Figlioli, il trascinatore della Croazia Sandro Sukno e l’astro emergente della waterpolo serba Dusan Mandic, mancino dal tiro esplosivo che si alterna con il mancino “di coppa”, ovvero Filip Filipovic (che per sfortuna del pubblico triestino non sarà in vasca). Nella posizione di centroboa spazio al titolare inamovibile dell’Italia Matteo Aicardi. E pensare che il Recco potrebbe pure scontare due assenze eccellenti, ovvero altri due nazionali, il secondo centroboa Michael Alexandre Bodegas e Francesco Di Fulvio, influenzati e in forte dubbio per la trasferta di Trieste. Piccardo ha le idee chiare su che tipo di partita dovranno giocare i suoi ragazzi: “Di puro contenimento, un po’ come abbiamo fatto con il Brescia, anche se il Recco ha tante soluzioni in più in fase offensiva. Quindi dovremo gestire il pallone per 30’’, evitando di concedere loro troppi spazi in transizione. Sarà fondamentale salvare l’onore davanti ai nostri tifosi”. 

 

GLI ARBITRI La sfida tra Pallanuoto Trieste e Pro Recco sarà diretta da Massimo Calabrò di Macerata e Antonio Guarracino di Napoli.

 

COME SEGUIRE LA PARTITA Gli appassionati di questa splendida disciplina riempiranno certamente gli spalti della piscina per assistere alle prodezze dei “mostri sacri” recchelini. In ogni caso, per chi ci segue da lontano e non potrà essere presente alla “Bruno Bianchi”, dalle ore 16.00 la pagina Facebook della Pallanuoto Trieste (www.facebook.com/pallanuototrieste) pubblicherà tutti gli aggiornamenti in tempo reale sul match.

 

OSPITI IN PISCINA Assisteranno alla partita da bordo vasca, ospiti della Pallanuoto Trieste, alcune atlete della prima squadra di basket femminile dell’Interclub Muggia, quarta in classifica nel campionato di serie B. Ci saranno Costanza Miccoli, Valentina Rosin, Giorgia Silli e Anja Struna, accompagnate del dirigente della società rivierasca Antonio Cozzolino.

 

LA GIORNATA Sarà un turno, questo undicesimo di andata, che favorirà le dirette rivali della Pallanuoto Trieste nella corsa alla salvezza, anche se non tutte avranno vita facile. La Roma Vis Nova ha i tre punti nel mirino nel match casalingo con il fanalino di coda Sori, mentre l’Ortigia Siracusa ospiterà il forte Posillipo, la Lazio (che in panchina ha appena richiamato Pierluigi Formiconi) sarà di scena sul difficile campo del Savona e la Florentia se la vedrà con il lanciatissimo Bogliasco. Completano il quadro due match di alta classifica: Canottieri Napoli-Sport Management e Acquachiara-Brescia.

 

LA CLASSIFICA Una sola squadra in vetta, causa però il match rinviato tra Roma Vis Nova e Pro Recco. In zona play-out il solito grande affollamento. An Brescia 30, Pro Recco 27, Sport Management 22, Canottieri Napoli 20, Acquachiara 20, Posillipo 18, Rn Bogliasco 14, Rn Savona 13, Pallanuoto Trieste 9, Roma Vis Nova 9, Ortigia Siracusa 7, Lazio 5, Rn Florentia 4, Rn Sori 3.

Potrebbe interessarti anche
Grace Marussi in raduno collegiale a Ostia con la nazionale giovanile
Ecco la nuova centroboa, in alabardato arriva l'ex Rapallo Gaia Gagliardi